infinitamentepiccolo

L'infinitamente Piccolo

Legalizzare cose buone.

 


Le favelas brasiliane sono posti fra i più pericolosi. E il Papa si è avventurato da solo dentro le baracche, a Rio de Janeiro, senza particolari protezioni, pronto ad abbracciare tutti, ad ascoltare ciascuno.

Francesco non ha paura degli esseri umani. Guarda tutti con simpatia e compassione, soprattutto i più miseri. La sorella ha riferito che già da cardinale Bergoglio andava da solo nelle favelas a far visita al popolo delle baracche, senza alcuna precauzione. Non gli è mai accaduto niente.

La gente lo accoglieva come avrebbe accolto Gesù. I poveri sanno che Gesù è Dio che si china sulle loro piaghe e piange con loro e li soccorre con potenza.

Con lo stesso cuore Francesco ha parlato ai ragazzi tossicodipendenti (molti dei quali provengono dalle favelas) che sono accolti e curati da tanti uomini di Dio.

Ha ricordato loro che la droga è morte e li porta all’autodistruzione (per questo è inaccettabile la sua liberalizzazione). Poi li ha esortati a scegliere la vita: “Oggi, in questo luogo di lotta” ha detto “vorrei abbracciare ciascuno e ciascuna di voi, voi che siete la carne di Cristo. Abbracciare! Abbiamo tutti bisogno di imparare ad abbracciare (…). Ma abbracciare non è sufficiente. Tendiamo la mano a chi è in difficoltà (…) a chi è caduto e diciamogli: puoi rialzarti… Cari Amici non siete mai soli (…) Guardate con fiducia (…). Vi affido alla Vergine fino al 2017, quando tornerò”.

Lì in Brasile, come in Europa, come in Asia, la Chiesa è la grande misericordiosa, l’abbraccio di madre che si china su tutte le sofferenze degli uomini e li aiuta. Come si fa a non commuoversi, a non partire anzitutto da questo bene presente? Dovrebbero interrogarsi anche gli intellettuali.

Roberto Saviano che pure nelle sue terre di Gomorra ha incontrato questa stessa presenza – rimanendone affascinato – nella persona di don Peppino Diana, ucciso dalla camorra, ha sentito il bisogno di “spiegare” al Papa che si sbaglia e che dovrebbe piuttosto predicare la liberalizzazione della droga.

Ha scritto su twitter: “Il proibizionismo ha già fatto troppi danni, sarebbe importante se anche su questi temi il Papa superasse il dogmatismo della Chiesa”.
E ancora: “Liberalizzare non è un inno al consumo, ma l’unico modo per sottrarre mercato ai narcotrafficanti che difatti sostengono il proibizionismo”.

Ora, Saviano sa bene che la droga in sé è intrinsecamente devastante. Lo sa tanto bene che in una intervista di qualche tempo fa spiegò che non proponeva la liberalizzazione “a cuor leggero”, anzi riconosceva che “sul piano morale, è un’opzione schifosa”, ma a lui sembra l’unica per battere la mafia che si arricchisce sul narcotraffico.
Ma è proprio così? La liberalizzazione è davvero un male minore necessario a battere il male maggiore della mafia, oppure è un male devastante che si andrebbe ad aggiungere alla criminalità?

Dalle comunità terapeutiche – come quelle di don Antonio Mazzi – è arrivato un netto no. Loro dicono che la scorciatoia della liberalizzazione è illusoria e alla fine disastrosa. L’unica via è quella, dura e paziente, della prevenzione e dell’educazione.

Ma la risposta più autorevole sulla mafia è quella di un’autentica autorità: Paolo Borsellino. C’è una perla preziosa, nascosta nel mare magnum di Youtube. E’ la registrazione di un lunghissimo incontro del magistrato palermitano con gli studenti di Bassano del Grappa, il 26 gennaio 1989.

Se si arriva al minuto 59° della videoripresa, si potrà ascoltare la domanda di una ragazza che interroga Borsellino proprio sulla liberalizzazione della droga come mezzo per vincere la mafia.

Ebbene, la sua risposta è un no drastico e motivato: “La legalizzazione degli stupefacenti” spiegò il magistrato (poi ucciso da Cosa nostra) “non può rappresentare un momento per combattere la mafia, anzitutto perché – come mi sembra di aver chiarito – non bisogna stabilire un’equazione assoluta tra mafia e traffico di sostanze stupefacenti”.

La mafia “esisteva prima di tale traffico e continuerà a esistere anche dopo”. Infatti “i primi trafficanti di stupefacenti in Italia non furono i mafiosi. Furono i contrabbandieri di tabacchi lavorati esteri… Fu in un secondo tempo che la mafia, accortasi dell’importanza del business, cooptò dentro di sé questi contrabbandieri… addirittura forse li costringe ad entrare nell’organizzazione mafiosa per impossessarsi di questo traffico”.

Borsellino proseguì: “Oggi è vero che il business più importante della mafia è il traffico delle sostanze stupefacenti e qualcuno ha sostenuto: ‘beh se noi eliminiamo il traffico clandestino e legalizziamo il consumo di droga abbiamo contemporaneamente levato dalle mani alla mafia la possibilità di ottenere tutti questi guadagni illeciti ed essere così potente’. Tuttavia forse non si riflette che la legalizzazione del consumo di droga non elimina affatto il mercato clandestino, anzi avviene che le categorie più deboli e meno protette saranno le prime ad essere investite dal mercato clandestino”.

Fece un esempio: “io non riesco ad immaginarmi una legalizzazione che consenta al minore di entrare in farmacia e andarsi a comprare la sua dose di eroina… Perché una legislazione del genere tra l’altro in Italia alla luce dei nostri principi costituzionali non è possibile. È chiaro quindi che ci sarebbe questa fascia di minori che sarebbe immediatamente investita dal residuo traffico clandestino”.

Non solo. “Resisterebbe poi un ulteriore traffico clandestino che è quello delle droghe micidiali, che per le stesse ragioni lo Stato non potrebbe mai liberalizzare. C’è questa famosa droga che si va diffondendo in America che rischia di uccidere anche alla prima assunzione, che si chiama crack. È chiaro che lo Stato così come non può liberalizzare l’uso di stricnina non potrà legalizzare il commercio del crack e quindi si incrementeranno queste droghe proibite”.

Infine “ci sarà un ulteriore parte del mercato clandestino dovuto a tutti coloro che per qualsiasi ragione non vorranno ricorrere al mercato ufficiale: per non essere schedati, per non essere individuati, per ragioni sociali, eccetera…”.

Dunque cosa accadrebbe?

“Resterebbe una residua fetta di mercato clandestino che diventerebbe estremamente più pericoloso, perché diretto a coloro che per ragioni di età non possono entrare nel mercato ufficiale, quindi alle categorie più deboli e più da proteggere. E verrebbe ad alimentare inoltre le droghe più micidiali, cioè quelle che non potrebbero essere vendute in farmacia non fosse altro perché i farmacisti a buon diritto si rifiuterebbero di vendere. Conseguentemente” spiegò Borsellino “mi sembra che sia da dilettanti di criminologia quello di pensare che liberalizzando il traffico di droga sparirebbe del tutto il traffico clandestino e si leverebbero queste unghia all’artiglio della mafia”.

D’altra parte se “per assurda ipotesi questa liberalizzazione, che già produrrebbe danni enormi di altro genere, potesse levare dalle mani della mafia quest’artiglio, siccome la mafia non è soltanto il traffico delle sostanze stupefacenti, riconvertirebbe immediatamente la sua attività e pesantemente ad altri settori”.

Infatti oggi “stiamo vivendo un momento in cui… sono diminuiti i proventi provenienti dal traffico, perché oggi la mafia che prima raffinava e poi vendeva, non raffina più”.

Ma “è avvenuto che la mafia ha perso di potenza? Quando mai! Si è riversata pesantemente nel campo degli appalti, nel campo dell’edilizia”.

Certo, anche Borsellino era un cattolico convinto e praticante (monsignor Tonini prospettò perfino il processo di beatificazione per lui). Ma il suo argomentare non pare davvero “dogmatismo”. E’ competenza e realismo. E s’incontra con ciò che ha detto a Rio papa Francesco. Lì troviamo la risposta a Saviano.

Antonio Socci

Da “Libero” 27 luglio 2013

Vedi Facebook: “Antonio Socci pagina ufficiale”

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 2 agosto 2013 da in Uncategorized.

Navigazione

Start here

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: